IL CONTRATTO FUTURO

Le clausole di estinzione anticipata di un contratto molto diffuso: quello di Futuro Spa. Leggi tutto e chiamaci se vuoi maggiori spiegazioni.

IL CASO DI ESTINZIONE ANTICIPATA

Come tutti i contratti di cessione del quinto o di delega, il costo complessivo del prestito Futuro Spa è la risultante della somma di spese differenti.
Esaminiamo subito che percentuale di queste spese viene rimborsata al cliente in caso di estinzione anticipata del prestito:

  1. Gli interessi. Sono indicati dal TAN% e rappresentano il guadagno della Banca Erogante stessa (Futuro). In caso di estinzione anticipata gli interessi dovuti sulle rate residue vengono rimborsati interamente al cliente;
  2. Le Commissioni Accessorie.In caso di estinzione anticipata non vengono rimborsate al cliente;
  3. Le spese fisse contrattuali. Sono spese di istruttoria che non vengono rimborsate al cliente;
  4. Il premio assicurativo rischio premorienza. Viene rimborsato in parte al cliente successivamente all'avvenuta estinzione del prestito ma solo se il cliente lo richiede espressamente per iscritto.La formula utilizzata per il rimborso dipende dalla Compagnia Assicurativa che garantisce il prestito ed è contenuta nel Fascicolo Informativo della compagnia stessa. Attualmente i contratti Futuro sono assicurati da diverse compagnie assicurative (NET, Vittoria, HDI, National Suisse). Per semplicità  viene riportata la formula del ristoro NET che prevede una percentuale non rimborsabile del 30% del premio pagato mentre il restante 70% viene rimborsato al cedente "pro-rata temporis" cioè in proporzione alla parte non goduta. Nel caso in cui il rimborso non venga espressamente richiesto, la copertura assicurativa rimane in vita e in caso di morte del cedente la somma assicurata sarà  versata agli eredi legittimi;
  5. Il premio assicurativo rischio impiego. Il costo risulta pari a zero perché il costo della polizza viene sostenuto direttamente da Futuro;
  6. Imposte e tasse. Si tratta di una cifra modesta (circa 15€). Non viene rimborsata al cliente perché versata allo Stato.
  • Costo - Ammontare totale - Importo ristorato
  • Interessi
    7.794,77
    3.047,50
  • Commissioni accessorie
  • 1.350,00
  • 0
  • Spese fisse contrattuali
  • 350,00
  • 0
  • Polizza vita
  • 432,00
  • 181,44
  • Polizza impiego
  • 0
  • 0
  • Imposte e tasse
  • 14,62
  • 0
  • Premio assicurativo rischio impiego
  • 856,24
  • 216,96
  • Totale
  • 10.893,90
  • 3.228,94
  •      
  • Montante alla data estinzione

  • 18.000,00
  •  
  • Importo ristorato
  • 3.228,94
  •  
  • Penale rimborso anticipato
  • 147,71
  •  
  • Conteggio estintivo
  • 14.918,77
  •  

UN CASO REALE

Il cliente ha ricevuto un prestito contro cessione del quinto con rata di 250€ per 120 mesi (10 anni) con un montante di 30.000€.
Il TAN del prestito è del 6,310% e il TAEG del 8,95%. Il netto erogato del prestito è di 20.058,61€.
Ipotizziamo che decida di estinguere anticipatamente il prestito dopo aver pagato 48 rate, quindi con 72 rate residue. Il montante ancora dovuto è quindi di 250€ x 72 = 18.000€. Nella tabella che segue, nella colonna di sinistra vengono indicati i costi complessivi previsti dal contratto e nella colonna di destra la parte si spesa che viene ristorata (rimborsata) al cliente. Le rate residue, ricordo, sono 72 su 120.

CONCLUSIONI

I contratti di Cessione del Quinto normalmente prevedono un tasso di interesse TAN molto basso cui però si aggiunge una serie di costi tra i quali anche le Spese di Gestione Pratica della banca erogante.

Il risultato è una "forbice" solitamente molto ampia tra il tasso TAN e il tasso TAEG del prestito.

Futuro ha fatto una scelta diversa: ha incluso quasi tutte le proprie spese nel TAN del prestito che quindi appare più alto della media del mercato (nel nostro esempio il 6,310% contro una media del mercato di 4,500%). Questo garantisce al cliente un trattamento di favore in caso di estinzione anticipata perché gli interessi TAN vengono interamente scontati dalle rate non ancora scadute.

Per contro Futuro ha deciso di non rimborsare pro rata temporis le altre spese del prestito tra cui le più rilevanti sono le Commissioni Accessorie che sono dovute, per la maggior parte, alle provvigioni dell'Agente in Attività  Finanziaria. La convenienza o meno del contratto Futuro in caso di estinzione anticipata dipende quindi in larga parte dalle provvigioni dell'Agente.

PREVENTIVO GRATUITO CESSIONE 5°
COMPILA IL MODULO SOTTOSTANTE IN MENO DI UN MINUTO

RECENSIONI DEI CLIENTI


CONTINUA A LEGGERE: