Se hai rinnovato una Cessione puoi chiedere il rimborso assicurativo

Fai valere i tuoi diritti! Se hai estinto un prestito hai diritto al rimborso dell’assicurazione.
Leggi tutte le informazioni necessarie e richiedici i moduli: sono gratis. Un servizio esclusivo Gruppomoney.it

Premessa al rimborso dell'assicurazione

Ogni prestito con cessione del quinto è assistito da due coperture assicurative: una rischio morte e una rischio impiego. Fanno eccezione le cessioni del quinto della pensione per le quali la polizza rischio impiego non è ovviamente presente. I premi (il costo) di queste polizze viene addebitato in unica soluzione anticipatamente sul contratto di cessione e vale per tutta la durata del prestito. Se quindi hai ottenuto una cessione del quinto decennale pagherai subito un premio assicurativo valido per tutti e dieci gli anni.


È sempre possibile richiedere il rimborso del premio

Cosa succede se si estingue anticipatamente il prestito, ad esempio perché lo si rinnova? Viene a mancare il motivo per cui è stata pagata la polizza ma il premio "non goduto" viene rimborsato al cliente? Sembra scontato che sia così ma come spesso accade ciò non avviene.

Occorre distinguere due casi:

  1. CASO 1: polizze stipulate prima della data del 1/12/2010

  2. CASO 2: polizze stipulate dopo la data del 1/12/2010.

N.B.: la data di stipula della polizza coincide con la data di firma del contratto di prestito.

Alla data in questione è entrato in vigore un regolamento che obbliga le compagnie di assicurazione a rimborsare al cliente che ha estinto anticipatamente un prestito (qualunque forma di prestito) la parte di premio non goduta. Prima questa operazione non veniva compiuta.

Quindi:

CASO 1: la polizza è stata stipulata prima del 1° dicembre 2010: il contratto prevede che in caso di estinzione anticipata del prestito al cliente non spetti alcun rimborso. Ma non scoraggiarti: puoi ottenerlo lo stesso (leggi più sotto).

CASO 2: il regolamento entrato in vigore prevede il rimborso del premio non goduto ma non indica le modalità di calcolo di questo rimborso e non indica le modalità per richiederlo. Il risultato è che vi sono evidenti difformità di comportamento:

  • Ogni compagnia ha la sua modalità di calcolo del rimborso. Qualcuna rimborsa tanto qualcuna poco.

  • Alcune compagnie rimborsano automaticamente il premio e alcune solo se il cliente lo richiede per iscritto (ma quanti conoscono questa opportunità? E quanti lo sanno fare?).


La nuova circolare IVASS, finalmente un po' di chiarezza

Questa è quindi la situazione attuale ma ci sono ora delle importantissime novità: alla fine di agosto 2015 l'IVASS (che è l'Istituto per la sorveglianza dell'operato delle Assicurazioni) ha emesso una circolare indirizzata alle Compagnie di Assicurazione contenente una serie di raccomandazioni estremamente importanti.

In particolare l'IVASS raccomanda che:

  1. I premi non goduti vengano rimborsati automaticamente nei giorni successivi all'estinzione del prestito senza quindi aspettare la richiesta scritta del cliente.

  2. Nei contratti vengano chiaramente indicate le modalità di calcolo della quota di premio da rimborsare e che vengano chiaramente indicate le spese che non verranno rimborsate perché considerate spese amministrative.

  3. Le nuove regole si applichino anche ai contratti stipulati in precedenza quindi anche a quelli stipulati negli anni passati.

Il punto 3) è particolarmente importante perché significa che anche coloro che estinguono un prestito stipulato in data precedente al 1/12/2015 hanno diritto automatico al rimborso del premio. Ma il punto 3) significa che anche che chi ha estinto negli anni scorsi ha diritto a richiedere il rimborso!


Cosa dice l'arbitro bancario finanziario

Su questo argomento è chiarissima la decisione dell'Arbitro Bancario Finanziario n° 4148 del collegio di Roma (ma ce ne sono tantissime altre di contenuto simile) che afferma quanto segue:

  1. Il rimborso spetta anche se il finanziamento (e quindi la polizza assicurativa) è antecedente al 1° dicembre 2010;

  2. In mancanza di specifiche contrattuali in merito, il calcolo del premio va fatto in maniera proporzionale al periodo di tempo mancante alla data di naturale estinzione del piano di ammortamento. In termini più semplici: se il prestito è stato estinto a metà del piano di ammortamento allora spetta un rimborso pari alla metà del premio.


Richiedi il rimborso

La procedura è molto semplice e Gruppomoney ti aiuta

  1. Chi estingue ora il finanziamento ha diritto al rimborso automatico del premio assicurativo e non sarà quindi necessario presentare alcuna domanda.

  2. In caso di mancata indicazione sul contratto delle modalità di calcolo del premio rimborsato allora si applica la modalità proporzionale (se estinguo a metà del piano di ammortamento mi spetta metà del premio, se estinguo dopo un terzo allora mi spettano due terzi e così via). L'utente non deve fare nulla e attendere solo il rimborso automatico;

  3. Chi invece ha estinto prima di agosto 2015 ha anch'egli diritto, in via teorica, al rimborso automatico ma a difficilmente le Compagnie di Assicurazione provvederanno spontaneamente. Sarà quindi necessario presentare una richiesta scritta che è bene inviare via Raccomandata o via Posta Elettronica Certificata (PEC).

È importante sapere che la circolare IVASS non ha posto dei limiti di tempo "all'anzianità" dei contratti estinti. Quindi chiunque abbia estinto un prestito con cessione del quinto o delega anche diversi anni fa ha diritto a richiedere il rimborso.

RICHIEDI A GRUPPOMONEY I MODULI PRESTAMPATI PER IL RIMBORSO DEL PREMIO ASSICURATIVOCHIAMA IL NUMERO 02 55 700 146 O SCRIVI A info@gruppomoney.it


La compagnia rifiuta il rimborso?

Può capitare che, adducendo vari pretesti la Compagnia Assicurativa rifiuti il rimborso oppure che questo sia riconosciuto di ammontare insufficiente.

Che si tratti di farsi rimborsare il premio su una vecchia cessione (antecedente all'1/12/2010) oppure di farsi ricalcolare un premio già ricevuto (per le cessioni più recenti) la procedura è la stessa:

  1. Occorre scrivere una Lettera di Reclamo da indirizzare alla compagnia di assicurazione e da inviare esclusivamente per posta raccomandata oppure per PEC.

  2. Se la risposta è insoddisfacente oppure non vi è giunta entro 45 giorni allora occorre compilare questo MODULO che va spedito all'IVASS all'indirizzo sottostante:

Consigliamo anche in questo caso di utilizzare la posta raccomandata.

L'IVASS promette di rispondere entro 90 giorni. Se ritiene fondata la richiesta obbliga la compagnia assicuratrice al pronto rimborso di quanto dovuto.

La procedura è del tutto esente da spese (se si esclude il costo delle raccomandate) e da rischi legali perché una eventuale risposta negativa non produrrà alcuna conseguenza.

Abbiamo preparato alcuni Fac-Simile di lettere di reclamo.
Potete richiederle scrivendo a info[chiocciola]gruppomoney.it.
Si raccomanda di indicare anche un recapito telefonico.


Riassumendo

  1. Se hai estinto una cessione del quinto ti spetta sempre il rimborso del premio assicurativo non goduto

  2. Se l'hai estinta di recente oppure stai per farlo il rimborso ti deve arrivare automaticamente

  3. Se l'hai estinto in passato e non hai avuto il rimborso lo puoi richiedere adesso. Non importa se sono passati degli anni.

  4. Controlla l'ammontare del rimborso: deve essere proporzionale al periodo di tempo "non goduto" a meno che sul contratto di prestito non fosse chiaramente indicata una modalità di calcolo differente.