Leggi come stimare il tuo TFS

TFS questo sconosciuto. Come di calcola, in quanto tempo verrà erogato, è possibile chiedere anticipi sul TFS? In questa pagina puoi trovare le risposte e scoprire che la Cessione è sempre la soluzione migliore per i dipendenti pubblici

Il trattamento di fine servizio

Il Trattamento di Fine Servizio (TFS)

Il Trattamento di Fine Servizio ha molte analogie con il TFR dei Dipendenti Privati ma le differenze sono abbastanza rilevanti. La più importante è il sistema di calcolo che si basa sul sistema retributivo anziché contributivo.

 

Il sistema di calcolo retributivo del TFS

Si basa sugli ultimi stipendi percepiti e sul numero di anni di servizio anziché sui contributi effettivamente versati.


Il calcolo del TFS

La formula è: 80% dell'ultimo stipendio mensile lordo (per i dipendenti degli Enti Locali si considera invece la media degli ultimi 12 stipendi) moltiplicato per il numero di anni di servizio, il tutto moltiplicato per 13 e infine diviso per 12.

La base di calcolo è lo stipendio mensile lordo. Con questo si si intende: ultima retribuzione + retribuzione individuale di anzianità + IIS (ridotta al 60%) + indennità di amministrazione.


L'aliquota contributiva

La normativa sul TFS prevede un versamento contributivo del 9,6% sull'80% delle retribuzione utile (di cui 7,10% a carico del datore di lavoro e 2,5% a carico del dipendente).


Anticipo del TFS, è possibile?

Purtroppo non è prevista alcuna possibilità di richiedere un anticipo sul Trattamento di Fine Servizio. A differenza del TFR dei dipendenti privati che, pur con parecchie difficoltà, è anticipabile in parte, il TFS non può essere versato al dipendente se non al termine del periodo di servizio.


I tempi di erogazione del TFS

Abbiamo visto che non è possbile richiedere anticipazioni sul TFS. Per averlo bisogna attendere la data di pensionamento. Ma non è finita qui perché la legge prevede dei tempi minimi di attesa anche in caso di cessazione del servizio:

- almeno 105 giorni per decesso o inabilità;

- almeno 6 mesi per raggiungimento del limite di età (pensione di vecchiaia o per anzianità massima);

- almeno 24 mesi negli altri casi (dimissioni, licenziamento e pensione anticipata rispetto al massimo).


È meglio il TFR o il TFS?

Quelli visti sopra sono importanti svantaggi rispetto al TFR dei dipendenti privati ma va detto, però, che il sistema di calcolo retributivo del TFS è nettamente più favorevole. Le statistiche dicono che a parità di condizioni (stipendio e anni di servizio) il dipendente di azienda privata ha percepito negli ultimi 20 anni un TFR sempre inferiore al TFS del dipendente statale.


Dipendenti statali e cessione del quinto

I dipendenti pubblici e statali non possono richiedere un anticipo sul TFS però possono ottenere facilmente un prestito a condizioni agevolate con la cessione del quinto o la delega (detta anche doppio quinto). La rata mensile sarà sempre modesta perché le condizioni praticate dall'Inpdap o dalle Banche sono le migliori del mercato (considerato il rischio quasi nullo di insolvenza) e la durata del rimborso può arrivare fino a 10 anni.