Con la Delega raddoppi il prestito

Prestito Delega si dice anche Doppio Quinto e quindi significa doppio prestito. Tutto quello serve per conoscere il prestito Delega e sapere come averlo anche se sei un Cattivo Pagatore. Chiedici un preventivo!

Caratteristiche prestito delega

Viene spesso chiamata Cessione Doppio Quinto perché è un contratto di prestito a dipendenti che permette l'addebito sulla busta paga di un secondo quinto dello stipendio ossia di un altro 20%.

Si tratta, quindi, di una eccezione alla regola generale che normalmente permette l'addebito di una rata massima pari al 20% dello stipendio netto.

Il DPR 180/1950 afferma che in caso di necessità  e con l'assenso dell'amministrazione è possibile richiedere l'addebito in busta di un altro quinto per un totale del 40%.

La Delega (o Delegazione) di Pagamento è diventata con il tempo molto diffusa perché permette di raddoppiare le possibilità  di ottenere credito dalla propria busta paga.


Quando è utile la delega?

  • Quando si ha già  in corso sulla busta paga una rata di cessione del quinto che non è possibile o non è conveniente rinnovare.
  • Quando la cifra necessaria è elevata e allora l'abbinamento di cessione del quinto e delega permette di ottenere un prestito di ammontare quasi doppio.
  • Essendo soggetta sempre a discrezionalità  da parte del Datore di Lavoro si ricordi che quindi non può essere considerata un diritto del Dipendente.


Chi può richiedere la delega di pagamento

  • I Dipendenti Statali. Quasi tutte le Amministrazioni Statali accettano le richieste di prestito con Delega da parte dei propri Dipendenti.L'accettazione presuppone però la stipula di una apposita Convenzione a scadenza annuale tra l'Intermediario Finanziario (Banca o Società  Finanziaria) e L'Amministrazione.

  • I Dipendenti pubblici. Occorre sempre verificare se l'Ente accetta questo tipo di prestito prima di avviare la pratica. Non occorre un'anzianità  minima di servizio.

  • I Dipendenti Privati. Occorre verificare che l'Amministrazione accetti di trattenere la doppia rata ma occorre anche accertarsi che la richiesta venga accettata dall'Intermediario Finanziario. Sono necessari:

    1. Un buon Coefficiente Assicurativo dell'Azienda per cui si lavora
    2. Una buona anzianità di servizio o comunque un buon TFR accantonato in azienda o presso un Fondo di Previdenza Integrativa



Chi non può ottenere la delega di pagamento

  • I pensionati: tutti gli Enti Pensionistici hanno scelto di non accettare di trattenere la doppia rata sulla pensione

  • I dipendenti delle aziende di piccole dimensioni o con Coefficiente Assicurativo basso

  • I Dipendenti di Aziende Private con poco TFR maturato. Normalmente occorrono almeno 4 o 5 anni di anzianità di servizio

  • In generale i Dipendenti Pubblici o Privati le cui Amministrazioni non accettano di trattenere in busta paga il doppio quinto. Normalmente occorrono almeno 4 o 5 anni di anzianità di servizio


Curiosità: perché si chiama proprio "prestito delega"?

Il Prestito Delega si chiama così perché il Lavoratore Dipendente incarica, cioè delega, il proprio Datore di Lavoro di pagare le rate di un prestito o di una assicurazione per al posto suo.

L'istituto della Delegazione di Pagamento deriva dall'art.1269 del Codice Civile: "se il debitore per eseguire il pagamento ha delegato un terzo, questi può obbligarsi verso il creditore".

Dallo stesso articolo deriva la principale differenza delle Delega rispetto alla Cessione del Quinto: "il terzo delegato per eseguire il pagamento non è tenuto ad accettare l'incarico" ossia la Delega non può considerarsi un obbligo per il Datore di Lavoro.

Quindi se la Cessione è un diritto del Dipendente e questi può obbligare la propria Amministrazione a trattenergli la rata in busta paga, per la Delega non è così e occorre il consenso del Datore di lavoro.