Forum

Presunta truffa Pxx...
 
Notifiche
Cancella tutti

Presunta truffa Pxxxxxxxx

12 Post
6 Utenti
0 Likes
1,038 Visualizzazioni
granata84
Post: 1
Topic starter
(@granata84)
New Member
Registrato: 11 anni fa

Salve
Apro questo thread per cercare di capire questa situazione:
nel 2007 mia mamma ha richiesto un prestito da 30mila euro.
Prestito che è stato accordato in quanto trattenuto dallo stipendio statale.
Ora è normale pagare 424 euro al mese per 120 mesi? Cioè ben 48mila euro.Ci starebbe un ricorso? Grazie di cuore a chi mi aiuterà a capire questa situazione e soprattutto a chiarire il da farsi.

11 risposte
Marco Benetti
Post: 1636
Admin
(@marco-benetti)
Noble Member
Registrato: 3 anni fa

Ciao Granata,
il tasso TAEG del prestito è di circa il 12,5% annuo. Se consideriamo che si tratta di una cessione del quinto a dipendente statale è senz'altro un tasso molto caro ma ancora abbastanza lontano dalla soglia di usura allora fissata.

Sono quasi certo che il tasso è stato determinato in larga parte dalla provvigione caricata dal mediatore creditizio che ha proposto il prestito a tua madre. Secondo me puoi ricorso all'ABF (Arbitro Bancario Finanziario) sostenendo che il guadagno del mediatore è stato sproporzionato al lavoro effettivamente svolto. Il regolamento ABF non permette di ricorrere contro il mediatore (perchè non si tratta di un intermediario finanziario) però è possibile avanzarlo contro la società erogante il prestito che ha permesso il caricamento di una provvigione così elevata e quindi si è di fatto resa corresponsabile.

Questa è la mia opinione. Se mi chiami al Numero Verde 800194444 ne possiamo parlare.

Ciao, Marco

Rispondi
Gioiellina
Post: 18
(@gioiellina)
Active Member
Registrato: 12 anni fa

Perdonamtemi ma non credo sia possibile fare ricorso per una motivazione simile. Alla sottoscrizione del contratto il cedente deve leggere integralmente il testo per sincerarsi di quanto sta sottoscrivendo, pertanto non ti puoi accorgere dopo 4 anni di aver pagato una provvigione troppo elevata e non credo nemmeno che l'ABF possa leggiferare in merito.. non può fare processi alle intenzioni.. se ci pensate bene è come comprare un auto e accorgersi che in un altro concessionario costava meno.. cosa fate richiedete indietro la differenza?

Inoltre credo che anche se l'ABF giudicasse l'applicazione di una provvigione troppo elevata non potrebbe costringere la finanziaria a restituirla (salvo estinzione anticipata) in quanto, le voci che compongono il presito sono singolarmete specificate sul contratto (sempre che ne sia stata consegnata copia al cedente) e nell'atto di sottoscrivere si accettanto le condizioni proposte, compresa la provvigione da erogare al mediatore o agente che sia.

Rispondi
Marco Benetti
Post: 1636
Admin
(@marco-benetti)
Noble Member
Registrato: 3 anni fa

Non sono d'accordo con Gioiellina (che accolgo nel forum e di cui lodo l'evidente competenza in materia) perchè se è vero che dal punto di vista legale Granata non ha alcun appiglio (e questa è l'opinione di Gioiellina) e anche vero che l'ABF ci ha abituati fortunatamente a "deliberare" sulla base del semplice buonsenso e non in base a cavilli giuridici. Del resto le sue decisioni non sono vincolanti per gli intermediari finanziari proprio perchè l'ABF non può ergersi a giudice.

Il buonsenso dice che guadagnare una cifra sproporzionata al lavoro effettivamente svolto contando sull'ingenuità (o sulla disperazione) del cliente non è corretto.
E' vero quello che dice Gioiellina che le clausole e i costi sono indicati chiaramente nel contratto ma è anche vero che questo contratto quasi mai viene presentato in maniera trasparente al cliente il quale si trova invece quasi sempre a doverlo firmare senza aver avuto la possibilità o la capacità di leggerlo e di capirlo.

Rispondi
masaniello
Post: 16
(@masaniello)
Active Member
Registrato: 11 anni fa

Quoto il Dott. Benetti, basta leggere alcune decisioni in merito rese pubbliche dal sito dell'ABF.
Aggiungo, seppur non vincolanti, gli intermediari hanno tutto l'interesse a rispettare le decisioni, infatti scrutando dal medesimo sito gli intermediari inadempienti ci si accorge che trattasi di sole società messe in liquidazione e/o cancellate...

Rispondi
Pagina 1 / 3
Condividi: