Navigando su Internet mi imbatto in un articolo che parla di cessioni del quinto:

“A.A. ottiene un finanziamento da (Società  Finanziaria) XXX SpA di 10.751 euro e dopo dieci anni dovrà  restituirne alla società  finanziaria 23.880, il 122% in più di quanto ricevuto. Di questa percentuale totale il 43% è costituito dagli interessi veri e propri (il Tan è al 4,5%), mentre il 79% è rappresentato dalla somma di: rimborso premi assicurativi, spese contrattuali, commissioni di intermediazione, commissioni bancarie, commissioni a XXX SpA. Un prestito, dunque, piuttosto esoso e non solo per i tassi d’interesse.

Qui nasce il caso. Il presidente di XXX SpA, M. V., ha spiegato che questo contratto (di cessione del quinto) ha un costo assicurativo importante proprio perchè il finanziamento in questione è particolarmente rischioso dal punto di vista della solvibilità  del datore di lavoro. Un’altra voce importante che grava sul contratto è legata alle provvigioni riconosciute al mediatore creditizio che incidono in modo rilevante sia sul costo sia sul Taeg.”

Quando ho letto queste cifre sono saltato sulla sedia. Il finanziamento sta pagando un tasso TAEG del 20,486%!! Il presidente della società  finanziaria, interpellato dall’articolista, sembra “chiamarsi fuori” giustificando il costo con il premio assicurativo e con le provvigioni che ha dovuto pagare al mediatore.

Prima di continuare leggetevi questo mio “vecchio” post. Vi stigmatizzavo il fatto che le società  finanziarie alimentano, di fatto, comportamenti quantomeno disinvolti da parte dei mediatori creditizi perchè permettono, a quest’ultimi, caricamenti provvigionali assurdamente elevati. Nel mio post menzionavo scandalizzato il 15/17% sul montante. Bene, le cose sono cambiate. La società  finanziaria di cui sopra ora permette di caricare fino al 21% del montante!! Per darvi un’ordine di idee, il 21% di 23.880€ sono più di 5.000€ ! Una vera e propria truffa del mediatore ma avallata dalla società  finanziaria.

Mi spiace per la persona che l’ha subita e mi spiace anche per i miei affari perchè così si danneggia gravemente il mercato. Ribadisco che sarebbe ora che la Banca d’Italia regolamentasse la materia.

Marco Benetti

P.S. il caricamento provvigionale medio del 2008 di GruppoMoney.it è stato del 4,98% sul montante totale erogato.

2 thoughts on “Ancora sui compensi provvigionali dei mediatori

  1. 4 anni fa sono stato truffato nello stesso modo (per colpa della mia ingenuità ) ho chiesto circa 12000 euro e in 10 anni ne dovrò restituire 26400 !!!!!! Per il bene di tutti faccio il nome che è SONAFIN, mi raccomando…

    Hasta la victoria , siempre !!!

  2. 26.400€ ???!!! Ma non era un prestito oltre la soglia di usura? Corrisponde a un TAEG del 26,818% !! Hai conservato copia del contratto?

    Facci sapere, Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*