Primo prestito rifiutato

ottieni il primo finanziamento

Finalmente hai raggiunto l’assunzione a tempo indeterminato e hai ottenuto il tuo posto fisso.

Per andare al lavoro hai però bisogno di un’auto e non hai ancora i soldi necessari per comprarla.

Ti viene quindi in mente di fare il primo prestito della tua vita.

Hai le tue buste paga, non hai nemmeno un debito in corso e quindi pensi che sia solo una formalità e che non troverai difficoltà a ottenere la somma che ti serve.

La realtà è purtroppo diversa, il prestito ti viene rifiutato con una motivazione paradossale: non puoi avere il prestito proprio perché non hai mai avuto prestiti! Ma come?

La spiegazione è che la banca non ti conosce e non sa se sei un buon pagatore o un cattivo pagatore. Come ti comporterai? Pagherai regolarmente oppure no? Ti manca lo storico creditizio.

Senza storico creditizio non puoi avere, quindi, il primo prestito. Allora la domanda sorge spontanea: se nessuno mi dà un prestito perché non ho lo storico, come faccio a crearmelo?

Le soluzioni per ottenere il tuo primo prestito ci sono

In realtà qualche soluzione c’è e le potrai leggere in questa pagina. Devo però avvisarti che per avere buone possibilità di successo devi muoverti con attenzione, non devi avere fretta e non devi fare errori.

Gli accorgimenti che devi seguire

  1. Non presentare ma più richieste contemporaneamente sperando che una di queste verrà accolta
    Ogni tua richiesta nel mondo creditizio viene registrata in banca dati e presentare più domande insieme significa farsele bocciare tutte senza rimedio
  2. Se ti rifiutano una domanda attendi almeno 30/40 giorni prima di ripresentare un’altra.
    Il rifiuto della tua prima domanda viene registrato in CRIF e causa inevitabilmente la bocciatura delle domande successive.
    Occorre aspettare il termine di cancellazione che avviene dopo circa 30/35 giorni.

L’ottenimento del primo prestito, i consigli

  1. Creati una piccola Storia Creditizia.
    Il mio consiglio è quello di richiedere un piccolo prestito finalizzato ad acquistare un bene di consumo.
    Ad esempio puoi comprarti a rate un cellulare o un altro elettrodomestico.
    Il credito ti dovrebbe venire concesso senza problemi perché la cifra è minima e perché il negozio ha tutto l’interesse a venderti l’oggetto.
    Dopo aver pagato regolarmente 6 o 7 rate (che costituiranno l’embrione della tua storia creditizia), puoi tentare di chiedere un prestito più importante;
  2. Procurati un Garante.
    Il garante è una persona che risponderà in solido con te (insieme a te) del regolare pagamento del prestito.
    Il garante deve essere una persona in possesso di uno storico creditizio, non deve avere iscrizioni negative in Crif, deve avere un reddito fisso e una sufficiente anzianità di servizio.
    Ma attenzione: deve essere un tuo familiare stretto.
    Come garanti non vanno bene amici e conoscenti perché l’esperienza dice che nel momento di bisogno amici e conoscenti spariscono!
  3. Scarta il prestito personale, scegli la Cessione del Quinto.
    La cessione del quinto fonda le proprie garanzie non sull’affidabilità finanziaria della persona ma sulle caratteristiche del rapporto di lavoro quindi sulla busta paga.

Con la cessione del quinto non servono né una storia creditizia né garanti e quindi il problema del primo prestito è risolto.
Occorre però un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato; se lavori per un’azienda privata devi anche avere almeno un anno e mezzo di anzianità di servizio.

Primo finanziamento: quanto si può chiedere?

Il primo finanziamento è un prestito che serve a costruirsi la propria storia creditizia.

Viene concesso con le difficoltà che abbiamo visto sopra e viene concesso a persone quasi sempre molto giovani, spesso al primo impiego e che solitamente hanno un anzianità di lavoro limitata.

Per evitare bocciature è bene, quindi, non “tirare troppo la corda” e richiedere un importo contenuto: non più di 8.000/10000 Euro.

Anche la dilazione sarà limitata perché rappresenta un ulteriore fattore di rischio per la Banca.

Difficilmente, quindi, verrà concesso un prestito di durata superiore a 48 o 60 mesi.

Il primo prestito per i dipendenti Pubblici e Statali

Se lavori per un ente pubblico o per lo stato la cessione del quinto è davvero la soluzione ideale per te perché potrai abbinare le migliori condizioni di mercato con la facilità di credito.

Potrai facilmente ottenere una dilazione fino a 10 anni a tassi molto contenuti anche se non hai anzianità di servizio.

Devi essere di ruolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*