*Il rischio Sovraindebitamento*

Su questo Blog e sul nostro Sito abbiamo parlato diverse volte del rischio di sovraindebitamento.

Si tratta di un rischio concreto ed è argomento di discussione presso molte comunità  su Internet, tra cui il Forum di gruppomoney.it e della nostra pagina sul consolidamento dei debiti.

Il consolidamento debiti, lo ricordo, è quell’operazione che consiste nel rifinanziare tutti i piccolo debiti in corso con un’unico prestito di lunga durata. Ciò permette di pagare un’unica rata di importo sostenibile anche se per un periodo lungo. Si può realizzare o con una cessione del quinto/delega oppure con un mutuo.

Il sovraindebitamento nasce a volte a causa di spese rilevanti, non prevedibili e che non possono essere evitate (è il caso, ad esempio, di malattie che costringono la famiglia a sostenere lunghe e costose cure) ma spesso – la maggior parte delle volte – nasce semplicemente da una eccessiva fiducia, da una sopravvalutazione delle proprie capacità  di reddito.

Nasce anche da politiche commerciali troppo aggressive da parte delle catene di vendita che con il miraggio del “compra ora, paga poi” inducono a forzare i consumi.

Per dirla in parole semplici si comincia, piano piano, a vivere al di sopra delle proprie possibilità . Ma il vero campanello di allarme suona quando si comincia a chiedere un prestito per poter pagare le rate di quelli in corso. E’ un comportamento che allevia momentaneamente il problema ma innesca una spirale da cui è difficile uscire.

*Pericolo usura*
Il sovraindebitamento è un problema per tutti i soggetti coinvolti: per le famiglie, in primis, ma anche per il sistema finanziario perchè conduce inevitabilmente ad alzare la percentuale di prestiti insoluti. Gli unici che ci guadagnano sono gli usurai.

*Il servizio Monitorata di Assofin*
Per cercare di arginare il fenomeno l’Assofin (una associazione tra le più importanti società  finanziarie italiane) in collaborazione con l’Università  di Roma Tor Vergata ha varato:

un calcolatore che permette di valutare il proprio grado di esposizione debitoria. Ci sono già  stati parecchi tentativi del genere che non hanno avuto molto successo ma la cosa che rende Monitorata interessante è che i parametri sono stati valutati in base a precisi dati statistici a carattere socio-economico rilevati nella zona di residenza del richiedente.

*Facciamo un esempio*

Quando l’ho testato mi è stato richiesto quanto spende mensilmente la mia famiglia per l’acquisto di generi alimentari oppure di vestiario. Ho dovuto ammettere a me stesso di non avere le idee chiare, per cui ho inserito delle cifre indicative. Il sistema però mi ha segnalato che per una famiglia come la mia e residente nella mia zona la cifra media statisticamente rilevata era circa 2 volte quella da me indicata. E in effetti, facendo un pò di conti

Alla fine del questionario, dopo aver inserito redditi, caratteristiche e spese della famiglia, il sistema restituisce una valutazione della situazione finanziaria che tiene conto dei diversi parametri e che cerca di dare anche una valutazione dei possibili cambiamenti che potrebbero intervenire nel tempo. Ad esempio il reddito di un lavoratore autonomo viene valutato meno di quello di un lavoratore dipendente perchè soggetto a variazioni – in più o in meno – molto più marcate.

*Conclusioni*
Mi ha positivamente sorpreso. L’ho trovato potenzialmente molto utile. Se si sta valutando se effettuare o meno una spesa impegnativa credo che sia un’azione responsabile valutare anche questo servizio. Mi è anche piaciuto il fatto che le note e le istruzioni siano state scritte con un linguaggio chiaro, comprensibile a tutti e amichevole. Da provare.


Marco Benetti
Titolare Gruppomoney.it

2 thoughts on “Servizio Monitorata

  1. Buongiorno,
    ho un po’ di confusione sulla cessione del quinto.
    Vorrei accedere a questa tipologia di credito in quanto purtroppo ho una segnalazione. Ma non capisco se una come me con contratto a tempo indeterminato, 4 anni di lavoro in un’azienda di 5 persone può accedere.
    Help non capisco niente!

    Grazie mille!

    Valentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*