Vademecum per il consumatore che intende tutelarsi nel mondo dei Prestiti Personali e Cessione del Quinto.

Segui i nostri consigli per non incorrere in brutte sorprese.

La Nascita dell'OAM Organismo Agenti Mediatori

La nascita nel 2012 dell'Organismo Agenti e Mediatori OAM ha completamente rivoluzionato il mondo delle società finanziarie. Da tale data ogni operatore del settore deve essere iscritto agli elenchi tenuti dall'OAM.

È un importantissimo miglioramento perché per esercitare le nuove professioni di Agente in Attività Finanziaria e di Mediatore Creditizio vengono ora richiesti:

  1. Un titolo di studio non inferiore al diploma di scuola secondaria superiore
  2. Una conoscenza professionale approfondita in materie finanziarie e giuridiche attestata dal superamento di un severo esame iniziale
  3. La frequenza continua di corsi di aggiornamento
  4. Il mantenimento dei requisiti di onorabilità attestato dall'assenza di ogni condanna penale

Un effetto esplosivo

L'effetto dell'introduzione di questi requisiti nel vecchio, opaco mondo delle società finanziarie è stato esplosivo: il numero degli operatori del settore si è ridotto drasticamente passando da circa 200.000 operatori iscritti al vecchio elenco UIC a meno di 20.000.

Una vera rivoluzione, quindi, che ha ripulito il mercato da un gran numero di persone prive dei requisiti minimi per trattare una materia così importante per le famiglie italiane.

Un fenomeno da combattere: l'abusivismo

Le vecchie abitudini sono dure a morire, purtroppo, e permangono quindi delle ampie sacche di abusivismo rappresentato da soggetti che sfuggono a ogni controllo e operano fuori della legge.

Gente che non ha nulla da perdere, che approfitta dell'ingenuità delle persone per truffare e che sparisce poi senza lasciare traccia.

Occorre fare estrema attenzione e questa pagina vuol essere una guida semplice, facile da usare, per cautelarsi contro il rischio di finire nelle mani di questi personaggi senza scrupoli.

Per primo vediamoci questo breve video dell'OAM che vi può dare un'idea di come si lavorava prima e come si lavora adesso:

CONTENUTO VIDEO DAL SITO DELL'OAM

Da una parte la serietà e l'affidabilità di un Agente preparato e professionale, dall'altra la furbizia di un Agente o Mediatore pressapochista.

Consigliamo di leggere questi Post sul Blog di Gruppomoney per capire meglio quali rischi correte a rivolgervi a soggetti privi dei requisiti di legge:

La promesse impossibili da mantenere fatte da Agenti poco corretti.
Nell'esempio di un nostro utente il tentativo di migliorare la propria situazione finanziaria si è rivelato un boomerang a causa del Consulente disonesto.

La truffa dei Fondi Spesa.
È il vecchio meccanismo truffaldino dell'anticipami i soldi che poi ci penso io.


Come fare a difendersi

In realtà è piuttosto semplice effettuare il controllo: la persona fisica che vi propone il prestito può essere solo:

  1. Un Agente in Attività Finanziaria
  2. Il dipendente o il collaboratore di un Agente in Attività Finanziaria o di una Società di Mediazione Creditizia.

Il controllo dell'iscrizione all'Albo OAM della persona si effettua sul sito OAM nella sezione Elenchi.

Occorre inizialmente scegliere "Persona fisica" nella sezione Ricerca Iscritti e successivamente ricercare per cognome.

Se il Consulente non è presente nell'elenco potrebbe essere un Dipendente o un Collaboratore e quindi occorre ricercare nella sezione "Ricerca Collaboratori" più in basso.

E se il nome del Consulente non c'è?

Se non siamo riusciti a trovare il nome del consulente nei due elenchi allora siamo alla presenza di un truffatore ossia di una persona che esercita un mestiere di importante rilevanza sociale senza averne i requisiti e al di fuori della Legge (qui la nostra pagina sulla Normativa della Cessione del Quinto); quindi, alla larga!

La prima cosa da fare è sicuramente quella di annullare la richiesta ma è anche necessario segnalare il fatto all'OAM affinché provveda a svolgere i necessari controlli.

La segnalazione si effettua scrivendo un'email all'indirizzo esposti@pec.organismo-am.it, fornendo ogni possibile dettaglio e documento.

Gli Ispettori dell'OAM verificheranno la notizia e, se confermata, provvederanno ad inoltrare una segnalazione all'Autorità Giudiziaria.